Raffaello Piotto    

Scrivania con opuscoli di prodotti finanziari e logo Consultinvest Investimenti SIM S.p.A.

  Consulente Finanziario / Financial Planner

 Read Me >

Titoli, Fondi, Sicav
HOME PAGE
Chi sono
SocietÓ
Ufficio
Tempo libero
Partners/Links
SocietÓ prodotto
Leggimi
Elenco puntato - News  News
Elenco puntato - Codice Etico  Codice Etico
Elenco puntato - Direttiva MIFID  Direttiva MiFID
Elenco puntato - Finanza etica, Hedging, Fattore tempo Finanza etica,
Hedging,
Fattore tempo
Elenco puntato - Titoli, Fondi, Sicav  Titoli, Fondi, Sicav
Elenco puntato - Derivati  Derivati
Elenco puntato - Glossario  Glossario
 
 
 
Titoli di capitale
Acquistando titoli di capitale (i titoli pi¨ diffusi di tale categoria sono le azioni) si diviene soci della societÓ emittente, partecipando al rischio economico della medesima; chi investe in titoli azionari ha diritto a percepire annualmente il dividendo sugli utili conseguiti nel periodo di riferimento che l'assemblea dei soci deciderÓ di distribuire. L'assemblea dei soci pu˛ comunque stabilire di non distribuire alcun dividendo.
In particolare, le azioni attribuiscono al possessore specifici diritti: diritti amministrativi (diritto di voto, diritto di impugnativa delle delibere assembleari, diritto di recesso, diritto di opzione) e diritti economico patrimoniali (diritto al dividendo, diritto di rimborso).
Le azioni possono essere ordinarie, azioni postergate nelle perdite, azioni privilegiate nella distribuzione degli utili, azioni di risparmio (prive del diritto di voto ma aventi particolari privilegi di natura patrimoniale). Per blue chip si intende un titolo azionario emesso da una societÓ ad elevata capitalizzazione (oggi la soglia per il mercato italiano Ŕ fissata a 1.000 milioni di euro). Le small cap e le mid cap sono invece rispettivamente azioni di societÓ a bassa e media capitalizzazione di mercato.
 
Titoli di debito
Acquistando titoli di debito (i pi¨ diffusi sono le obbligazioni) si diviene finanziatori della societÓ o degli enti che li hanno emessi e si ha diritto a percepire periodicamente gli interessi previsti dal regolamento dell'emissione e, alla scadenza, il rimborso del capitale prestato. I titoli di debito si differenziano dai titoli di capitale perchÚ, mentre questi ultimi assicurano al loro titolare il diritto di partecipazione alla gestione della societÓ e un dividendo subordinato all'esistenza di utili, le prime attribuiscono al titolare solo un diritto di credito che deve comunque essere soddisfatto alla scadenza prevista, a prescindere dai risultati dell'esercizio sociale.
Le obbligazioni governative sono titoli del debito pubblico, ossia i titoli di debito emessi da un governo per finanziare il fabbisogno statale. I pi¨ diffusi titoli del debito pubblico in Italia sono BOT (titoli a breve termine zero coupon), BTP (titoli a medio-lungo termine con cedola fissa semestrale), CCT (titoli a tasso variabile con durata di 7 anni con cedole posticipate semestrali indicizzate al rendimento dei BOT), CTZ (titoli con durata di 24 mesi, soggetti a riaperture che possono ridurne la durata originaria, remunerati interamente dallo scarto di emissione, pari alla differenza tra il valore nominale ed il prezzo corrisposto).
 
Organismi di investimento collettivo del risparmio (OICR)
Sono i fondi comuni d'investimento e le societÓ di investimento a capitale variabile (SICAV). Gli OICR si dividono in armonizzati e non armonizzati. Gli armonizzati sono i fondi comuni d'investimento e le SocietÓ di investimento a capitale variabile (SICAV) conformi alla direttiva comunitaria n. 85/611/CEE e successive modifiche.
I fondi non armonizzati sono invece una particolare categoria di fondi comuni d'investimento soggetti a minori vincoli e limitazioni imposti dalla normativa comunitaria. Hanno una maggiore libertÓ di investimento del patrimonio rispetto a quelli armonizzati. Tra essi sono ricondotti i fondi speculativi.
Per fondo comune d'investimento si intende il patrimonio autonomo, suddiviso in quote, di pertinenza di una pluralitÓ di partecipanti, gestito in monte. I fondi comuni d'investimento sono istituiti e gestiti dalle societÓ di gestione del risparmio (SGR).
Le societÓ di investimento a capitale variabile (SICAV) raccolgono capitali fra i risparmiatori e li investono nei mercati finanziari. Si differenziano dai fondi comuni d'investimento principalmente per il fatto che il sottoscrittore non acquista quote di partecipazione, ma azioni della societÓ. Il risparmiatore diventa perci˛ un azionista con diritto di voto.
Gli Exchange Traded Funds (fondi indicizzati quotati, sigla ETF) sono una particolare categoria di fondi o SICAV, caratterizzati dall'avere la stessa composizione di un determinato indice di borsa. Sono perci˛ degli OICR aperti a gestione passiva, la cui composizione Ŕ vincolata ad un benchmark di riferimento, ossia il paniere di titoli che compone un determinato indice.
Gli Exchange Traded Commodities sono invece fondi assimilabili agli ETF che si prefiggono di replicare l'andamento di indici di prezzi di materie prime o di contratti derivati su materie prime.
 

Linea sfumata di chiusura testo

19125 LA SPEZIA - Via Buonviaggio 154 - Tel/Fax 0187-564860 - P.IVA: 00969630110
e/mail: raffaello.piotto@libero.it  oppure  raffaello.piotto@consultinvest.it - PEC: raffaello.piotto@pec.consultinvest.it